Libro: proteggerlo con Safe Creative

La protezione di un libro e di testi in generale in Safe Creative è molto semplice. È sufficiente salvare il testo in un file, che può essere pdf, docx, odt o qualsiasi altro e caricarlo usando il tuo account Safe Creative. Fornire informazioni e dati principali completerà la dichiarazione di paternità così da generare l’iscrizione e le prove. Alcuni dati saranno obbligatori, come il titolo o la dichiarazione di riserva di diritti, e altri facoltativi, come la descrizione, le etichette descrittive, ecc.

La registrazione in Safe Creative, essendo di natura digitale, genera immediatamente le prove di cui hai bisogno. Inoltre, saranno disponibili tutti gli elementi di registrazione, comprese le informazioni di audit blockchain che possono essere utilizzate indipendentemente da Safe Creative. I processi di generazione impiegano solo 24h.

Ma non tutti i testi registrati sono finiti o hanno un solo autore. Vediamo alcuni degli scenari più frequenti in cui ci si può imbattere.

Posso registrare un libro incompleto?

Image by Steve Buissinne from Pixabay

La legge stabilisce che i diritti nascono quando il lavoro è finito e viene fissato su un supporto tangibile. Questo perché in pratica in passato per registrare un’opera, per ottenere il copyright, era necessario fornire una copia fisica del libro. Oggi la realtà è ben diversa. I diritti possono esistere quando gli articoli vengono scritti, anche se il libro non è finito.

Molto spesso capita che i capitoli vengano pubblicati online man mano che sono completati, di conseguenza è molto importante generare prove d’autore dell’esistenza e dell’evoluzione dell’opera fino a lavoro completato. Pertanto, la registrazione di bozze, singoli capitoli o anche frammenti di paragrafi, non solo è possibile, ma consigliabile. Sarà il giudice in sede legale a decidere, in caso di conflitto, se sussistono diritti su tali paragrafi: evidentemente è molto meglio avere prove da quei paragrafi e di quei frammenti che non averle. Tali prove, ovviamente, supportano e rinforzano la registrazione e la successiva protezione del lavoro finito.

E se ci fossero coautori? E se un coautore fosse l’autore delle immagini nel libro ma non il testo?

Un libro, o qualsiasi altro testo, può essere creato da più autori. Se due o più persone sono autori di parti del testo, è possibile registrare il testo utilizzando un file pdf o simile e invitare gli altri autori ad accettare di essere co-autori.

Un altro caso tipico si presenta allorchè ci siano differenti autori, come ad esempio l’autore del testo e quello delle illustrazioni. In tal caso è meglio registrare utilizzando un file .rtf o simile. Farlo semparatamente con il testo da un lato e l’autore delle altre opere, nella propria categoria (sia essa arte visuale, illustrazione o disegno industriale, etc). Nel libro finale potranno essere riportate le diverse registrazioni dei lavori utilizzando le informazioni relative ad ognuno.

Se questa soluzione non è pratica, è comunque sempre raccomandabile indicare separatamente (anche all’interno di un singolo file zip.) la paternità degli elementi di altri autori; in sede legale riconoscere i diversi elementi e le diverse paternità risulterà molto più facile al fine di proteggerli entrambi.

Cosa succede se dopo la registrazione trovo errori di stampa o di ortografia? Devo registrare di nuovo?

Generalmente non è necessario. È molto comune trovare errori di stampa anche nelle edizioni successive della stessa opera. Non per questo la prima dichiarazione di paternità del testo originale cessa di essere effettiva. È consigliabile registrare nuovamente se, ad esempio, l’opera subisce tante modifiche da farla cambiare molto: La scomparsa o la comparsa di diversi paragrafi che fanno sì che parte o tutta l’opera ne cambi il significato, ad esempio.

E il titolo è protetto?

In generale, i titoli non generano copyright. Infatti è abbastanza comune trovare opere dello stesso tipo o anche di generi diversi ma con titoli uguali o molto simili. Solo in alcuni casi il titolo può essere considerato protetto, come ad esempio quando in esso compare il nome di uno dei personaggi. Un classico esempio potrebbe essere “Alice nel paese delle meraviglie“. Se si desidera che un titolo generico non venga utilizzato da altre persone, è necessario consultare l’ufficio brevetti, marchi e denominazioni commerciali per verificare e vagliarne le possibilità.

Poiché il titolo raramente genererà copyright, non avere il titolo originale o utilizzarne uno provvisorio non è un impedimento perché la registrazione del file con il testo del libro sia perfettamente valida. Ciò che genera automaticamente i diritti è il testo letterale del libro stesso, l’opera stessa.

Come registro una versione o un altro tipo di lavoro derivato di un libro?

Se un libro già registrato viene modificato e cambiato abbastanza perché l’autore ritenga necessario creare una nuova prova di paternità del nuovo testo, può essere registrato direttamente come una versione del precedente. Se viene creata un’opera derivata che non è un libro, ma un diverso tipo di opera, come un video, una canzone o un audio, questa potrà anche essere registrata come versione, modificando il tipo di opera in questo processo, o indipendentemente come se fosse un’altra registrazione. L’origine di quella versione può sempre essere inclusa nella stessa opera, oppure può essere indicata nella descrizione dell’operazione.

Posso registrare il libro con la copertina?

La cosa migliore è che la copertina, che di solito include un’immagine, sia registrata come tale, da sola (immagine o disegno: altri).

Se un autore registra un libro con un file, ad esempio PDF, in cui oltre al testo c’è la copertina, genera anche la prova della dichiarazione di paternità di quella copertina. Tuttavia, di solito è meglio avere due registrazioni separate.

Cosa succede se traduco il mio libro o il libro di un altro autore?

Le traduzioni generano diritti d’autore. In effetti, due persone possono tradurre lo stesso testo e il testo sarà sicuramente diverso in entrambi i casi.

Quando un autore registra un libro, le traduzioni risulteranno essere legalmente opere derivate dall’originale e quella registrazione originale sarà valida per la difesa. Nel caso in cui qualcuno, senza autorizzazione, traduca e pubblichi il libro, sarebbe sufficiente la registrazione dell’opera non tradotta. Tuttavia, di solito è consigliabile che la traduzione fatta dall’autore sia registrata in quanto avrà elementi unici e distinguibili attribuibili a quell’autore e non a un altro.

Se quello che vogliamo è registrare la traduzione autorizzata del testo di qualcun altro, possiamo fare lo stesso. In questo caso, si consiglia di includere le informazioni sull’opera e sull’autore originale nel file con la traduzione.

Sicuramente abbiamo dimenticato un qualche caso specifico! Hai voglia di farci qualche domanda, proporci un nuovo articolo per approfondire ulteriormente l’argomento? Semplice, faccelo sapere!

Immagine in evidenza by Comfreak from Pixabay

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *